Akhtala

Tornare alla Pagina Principale


Akhtala 3: Complesso. I dintorni

Complesso


La fortezza di Akhtala fu costruita su uno sperone roccioso circondato da elevati e profondi canyon che dai tre lati formano una protezione naturale. Le parti in qualche modo accessibili sono rinforzate da torri e mura. L'ingresso è solo dal lato nord, protetto da mura circolari intervallate da torri. Le mura e le torri della fortezza sono costruite in basalto bluastro con malta e calce.

La torre (2) di tre piani del 13˚ secolo rappresenta l'ingresso principale della fortezza costruita nelle mura (1) che proteggevano l'ingresso nord del monastero. La chiesa principale di S. Astvazazin (8) costituisce la costruzione più importante della fortezza con il suo portico (7) e con la piccola cappella (9) dove, secondo gli storici del medioevo Vardan Arevelzi e Kirakos Ganzakezi, sono sepolti il principe Ivane Zakarian e suo figlio Avag.

A nord della chiesa principale sono visibili i resti delle celle o camere (3) e un convento a due piani o refettorio (5), che possono anche avere ospitato le guardie della fortezza. L'edificio è appoggiato al muro orientale e aveva un tetto in legno. Le rovine delle mura rivelano la dimensione di questa dimora; si possono individuare la sala della comunità e le celle. La struttura ha un tunnel che porta alla gola del fiume, alle terme (6) e ai serbatoi sotterranei.

Vicino alla chiesa principale vi sono i resti di una chiesa a navata unica (4) del 13˚ secolo, parzialmente chiusa da un fossato. Aveva un'abside semicircolare sporgente dal muro orientale, caratteristica diffusa a partire dal 5˚-6˚ secolo.

I dintorni
Akhtala era un importante centro difensivo e spirituale, come mostrano le numerose fortificazioni del 10˚-13˚ secolo, le chiese e le cappelle del villaggio. Sulla vostra strada, nella direzione della via principale, vedrete sulla vostra destra, sulla cima di una roccia, il monastero di S. Yerordutiun (Santissima Trinità) che ha due chiese interconnesse, una cappella, una grande galleria e celle sotterranee.

Altri monumenti di Akhtala sono la chiesa di S. Arakeloz (degli Apostoli) o S. Ghevorg (San Giorgio), la fontana-monumento del 13˚ secolo, costruita su una pietra Vishap dell'età del bronzo, un paio di chiese e la cappella Barseghian. A nord-ovest del complesso principale si trova una cappella russa costruita alla fine del 19˚ secolo.


Testo originale a cura del Comitato Nazionale d`Armenia del Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti (ICOMOS) e la Santa Sede di Echmiazin.