Scavi di Erebuni

Tornare alla Pagina Principale


Scavi di Erebuni 3: Città Fortezza di Erebuni - Storia

Città Fortezza di Erebuni - Storia

Erebuni è una città fortezza del regno Urartu. Fu una delle numerose città-fortezza costruite lungo il confine settentrionale del regno Urartu e fu uno dei suoi più importanti centri politici, economici e culturali. Il nome stesso Yerevan si crede sia derivato da Erebuni.

Erebuni fu fondata dal re Arghishti nel 782 a. C. Fu costruita in cima ad una collina chiamata Arin Berd che guarda la valle del fiume Arax per servire come centro strategico militare e residenza reale. Arghishti (R. ca. 785-753) iniziò la costruzione di Erebuni dopo avere conquistato i territori a nord di Yerevan e ad ovest del lago Sevan, dove è attualmente ubicata la città di Abovian. Gli uomini e le donne fatti prigionieri in queste campagne furono utilizzati nella costruzione della città.

Nell'autunno del 1950, una spedizione archeologica guidata da Konstantine Hovhannisyan scoprì un'iscrizione cuneiforme ad Arin Berd dedicata alla fondazione della città che fu realizzata per Arghishti:

"Per grazia del Dio Khaldi, Arghishti, figlio di Menua, costruì questa possente fortezza e la chiamò Erebuni per la grandezza del Biainili (Urartu) e per incutere paura ai paesi nemici. Arghishti dice: La terra era un deserto, grandi opere ho compiuto su di essa. Per volontà di Khaldi, Arghishti, figlio di Menua, potente re, re della terra Biainili e governatore della città Tushpa".

Altre due iscrizioni identiche furono trovate in Erebuni. In una iscrizione analoga nella capitale Urartiana Tushpa (attuale Van)si afferma che 6.600 prigionieri di guerra sono stati portati da Khateh e Tsupani per popolare la nuova città.

Erebuni fu uno dei più importanti centri militari del regno Urartu, da dove Arghishti I e i suoi successori condussero le loro campagne militari contro gli invasori del nord. Durante le loro campagne i re urartiani risiedevano in Erebuni e rafforzavano continuamente le difese della fortezza. Re Sarduri II e Russa I usarono Erebuni come sito di riferimento per le nuove campagne di conquista nel Nord. Le continue guerre esaurirono il regno urartiano e agli inizi del 6˚ crollò.

La regione cadde ben presto sotto il controllo dell'Impero achemenide. L'importanza strategica di Erebuni non diminuì e divenne il centro della 18˚ satrapia persiana dell'altopiano armeno.

Nonostante le numerose invasioni successive di potenze straniere, la città non fu mai veramente abbandonata e fu continuamente abitata nei secoli successivi fino a diventare la odierna Yerevan. Nel 2018 Erebuni celebrerà il suo 2800° anniversario come luogo di nascita di Yerevan.

 


Testo originale a cura del Museo Storico della Riserva Archeologica di Erebuni e del Consiglio Internazionale dei Monumenti e Siti (ICOMOS/ Armenia).
 

Share |