Museo di Erebuni

Tornare alla Pagina Principale


Museo di Erebuni Sala 2 9:

Nei commerci del periodo urarteo, la lavorazione della pietra raggiunse un grande livello di sviluppo e raffinatezza. La pietra veniva usata largamente nelle costruzioni, negli usi domestici, nel quotidiano e nei manufatti. Lo confermano numerosi oggetti di pietra scoperti durante gli scavi: iscrizioni, macine, mortai, pestelli, pietre per levigare, mole, ciotole, idoli, gioielli. Gli artigiani di questa regione erano famosi per la loro abilità nei processi di lavorazione, per la loro conoscenza e comprensione della natura e importanza della pietra nella vita quotidiana.

Lo sviluppo della tessitura è testimoniato da ciò che rimane dopo l'utilizzazione dei diversi tessuti e dei diversi fili di lana, dagli aghi fini, dai pesi multiformi di ferro e di argilla per il telaio, dalle testine di pietra e di osso per i gomitoli trovate negli scavi di Teyshebaini in grande quantità. Lo studio dei frammenti di tessuti carbonizzati dimostra che essi erano ornati e in maggioranza erano di colore rosso, blu e giallo. Gli stessi colori si ritrovano negli ornamenti floreali e geometrici, negli abiti delle persone e degli dei rappresentati negli affreschi di Urartu.

Share |