Museo di Erebuni

Tornare alla Pagina Principale


Museo di Erebuni Sala 3 17:

Nell'arte decorativa e applicativa del periodo urarteo un'importanza particolare rivestono gli enormi scudi di bronzo incisi, gli elmi, le faretre, le cinture e le corazze con altorilievi di leoni e di tori; i frammenti di una portantina ornata con disegni e incisioni di alberi della vita, di soldati, di carri da guerra, di dei, di animali mitici; braccialetti a testa di serpente, sigilli e scatole in osso e pietra, con scene di caccia e di sacrifici, esempi unici delle arti applicate e decorative dell'epoca urartea.

Nella cultura del Regno di Van aveva una grande importanza l'affresco, tipico delle costruzioni monumentali civili e religiose del periodo urarteo. Il palazzo e le cattedrali della cittadella di Erebuni erano ricchi di affreschi a colori, sontuosi e di grande valore artistico, che ricoprivano una superficie totale di circa 2000 mq.

Il disegno dell'affresco urarteo è piatto, composto da una sequenza di linee divise in proporzionate cinture ornamentali orizzontali. Per ottenere la tinta voluta i pittori usavano sistemi assai noti in Mesopotamia. C'erano sia le tinte naturali sia quelle artificiali. Negli affreschi dominavano i colori nero, bianco, rosso, blu, giallo. E` notevole che questa serie di colori si sia conservata anche nella miniatura medioevale armena.
 

Una moneta romana d’argento (I sec. a. C.), due monete di Mileto (IV sec. a. C.) e tre vasi “rythons” (V-IV sec. a. C.) d’argento ritrovati a Erebuni rivestono un grande valore storico e culturale. Questi ritrovamenti testimoniano l'esistenza della fortezza anche dopo la caduta del regno Urartu (VI sec. a. C.) quando questo territorio passò nelle mani degli Achemenidi, prima che fosse fondato il regno degli Orontidi (Ervanduni, V sec. a. C.). Le ricerche scientifiche dimostrano che il sito di Erebuni non fu mai abbandonato totalmente e che venne riorganizzato nei secoli successivi fino ad essere conosciuto al mondo come la capitale, Yerevan. E` importante ricordare che Erebuni-Yerevan (782 a. C.), è stata fondata ben 29 anni prima di Roma, la città eterna.

Share |