Haghpat

Tornare alla Pagina Principale


Haghpat 1: La Storia. Legenda

La Storia

Nel villaggio di Haghpat (gia' al quarto secolo) fu una chiesa, secondo alcuni c’era una chiesa anche nel monastero, probabilmente costruita al posto del tempio pagano. Nel territorio di Haghpat, durante gli scavi, furono scoperti molti reperti dell'eta’ del bronzo, e il fiume Debed che vi scorre fin’ora mostra presenza dell’uomo fin dall'era paleolitica.

La fondazione del monastero di Haghpat viene legato agli anni del regno di Abbas Ashot il terzo Bagratuni (929-953), ma il piu’ antico edificio del monastero fu costruito nel 976 sotto il regno di Ashot III Voghormaz Bagratuni (953-977). La chiesa di Nshan (Segno = Croce) e' la piu' antica. Fu costruita dalla regina Khosrovanush (976-991) in onore dei suoi figli Smbat e Gurghen.

Nella citta' di Ani, dopo la caduta del regno (1064), il monastero comincia a decadere, ma poi rinasce durante il regno dei Kiurike', soprattutto nell'epoca della dinastia di Zaccarian ai quali il monastero fu concesso come compenso per i servizi militari resi alla dinastia di Orbelian in Georgia, i quali liberarono il territorio dai selgiuchidi alla fine del 12° secolo. A meta' del 13° secolo si conclude la costruzione del complesso, triplicando il volume, e il monastero diventa uno dei piu' grandi centri spirituali e formativi dell'Armenia.

Il monastero di Haghpat diventa un vero avversario del monastero-fratello di Sanahin, la concorrenza diventa ancora piu' forte tra i membri della famiglia feudale dei Zaccarian. Di questa inimicizia approfittavano i mongoli pianificando un’invasione. Quando il vescovo di Haghpat nei dintorni costruiva la fortezza di Kaian (Akner, 1233), suo cugino il principe Shahnshah, il cui padre era sepolto a Sanahin, al comando di truppe di mongoli che avevano gia' invaso l'Armenia, rase al suolo la fortezza in seguito all’alleanza con i mongoli. I mongoli invasero e saccheggiarono i monasteri sia di Haghpat che di Sanahin.

Il monastero venne distrutto durante le invasioni delle legioni di Tamerlano (14° secolo) e degli ottomani (15-17ss.). Quando la Persia nel 17° secolo conquisto' il trono dell'Armenia, il monastero si riassunse importanza dal punto di vista formativo-spirituale e anche come centro di manoscritti. Nel 18° secolo, per qualche anno, sotto l'abito talare dei monaci, visse nel monastero il famoso cantore e cortigiano Sayat Nova (1722-1795). Sayat Nova fu ucciso dai persiani nella difesa del monastero di Haghpat. 10 anni dopo la sua morte le truppe dell'impero Russo liberarono il monastero dai persiani. Il monastero di Haghpat, durante gli anni dell'Unione Sovietica, visse un periodo di decadenza e ora si trova nella prima fase della rinascita.

Dal 1996 il monastero di Haghpat e' registrato nell'elenco dei patrimoni mondiali dell'UNESCO.

 

 


Legenda

1. Jgrashen
2. La Chiesa di S. Gregorio
3. La Chiesa della S. Croce (Segno)
4. Grande Chiostro (Gavit) – S. Croce
5. La Cappella della Madonna
6. §L'Edificio di Hamazasp¦
7. Le tombe della dinastia Ukan
8. Galleria e Scuola
9. Libreria
10. Campanile
11. Il Lapide di Sayat Nova
12. Mura medievali
13. Il Refettorio, costruzioni ausiliari
14. Spring House
15. La Chiesa del deserto delle Monache
16. Le rovine della Chiesa del quarto secolo