Haghpat

Tornare alla Pagina Principale


Haghpat 8: Il Refettorio, edifici ausiliari (13). Fuori dal complesso monastico. Le rovine della chiesa del quarto secolo (16)

Il Refettorio, edifici ausiliari (13)

Il refettorio del complesso (13˚ secolo) e’ conservato meglio di quello del monastero di Sanahin. E' un salone lungo diviso in due parti quadrangolari da due colonne e da archi a croce che sostengono il tetto a volta. Il salone e' incorporato nel muro di difesa.

Accanto al refettorio si trova una piccola costruzione di quel tempo con lo stile di “hasarashen”. La cupola centrale e' poggiata sulle quattro colonne di legno con un’apertura rottonda sul tetto.

Fuori dal complesso monastico

La fontana medievale (14) situata a 75m di distanza dal muro orientale fu costruita nel 1258. Questa costruzione contiene tre archi: l'arco centrale e' piu' largo ed alto e indica l'asse centrale della costruzione. Vicino alla parete posteriore ci sono vasche di pietra per dare da bere agli animali del villaggio. C'e' anche un serbatoio dal quale si servivano gli abitanti. La struttura a volta e' dettata dalle condizioni climatiche: l'aria umida e fredda dell'interno protegge bene dal calore estivo e mitiga l'aria gelida d'inverno.

La Chiesa Kussanaz Anapat (La Madre del Signore) (15) si trova nel cimitero del villaggio, sulla collina a 500 m di distanza dal complesso in direzione est. Vi si arriva uscendo dal cancello orientale seguendo la strada del villaggio (vicino alla casa della Sorgente). Questa chiesa e' conosciuta anche come “Khatunashen” in onore della signorina Khatun, figlia del principe Hassan Tessumyan. Khatun nel 13˚ secolo fonda la chiesa e la dedica alla Santa Vergine.

La costruzione ha una cupola a forma di croce. Il tamburo ottagonale e' ornato con piccoli archi a forma di trifoglio. Le tre croci di pietra che si trovano al sud della chiesa risalgono al tardo medievo.

Le rovine della chiesa del quarto secolo (16)

Nel territorio del villaggio sono conservate le rovine di una chiesa del quarto secolo che e’ considerata la prima costruzione cristiana di Haghpat.