Matenadaran

Tornare alla Pagina Principale


Matenadaran Stand 1: Lato 3. Miniature

La miniatura armena nascendo come decorazione del manoscritto, grazie ai suoi valori artistici, all'originalita' pittorica, alla possibilita' di mettere armoniosamente insieme le eredita' dell'Oriente ed Occidente, in breve tempo visse una crescita cosi' grande che ottenne il suo proprio spazio originale come settore specifico nella pittura armena.

Gli esempi piu' antichi della miniatura armena sono quattro miniature allegate alla fine del “Vangelo di Echmiazin” (989), che risalgono al 6˚ secolo. Alla stessa epoca risale anche la rilegatura del manoscritto con maestose decorazioni d'avorio. Le antiche miniature del “Vangelo di Echmiazin” rappresentano quattro temi: “L'annunciazione a Zaccaria”, “L'annunciazione a Maria”, “L'adorazione dei Magi”, “Il Battesimo”. Le quattro immagini simbologicamente si legano al tema di teofania e sono create coi principi dell'antica iconografia.

Miniature

6. Annunciazione a Maria, 6˚ sec.,
“Vangelo di Echmiazin” anno
989,Matenadaran, MS. 2374, pg.
228b
7. Battesimo, 6˚ sec., “Vangelo di
Echmiazin” anno 989,
Matenadaran, MS. 2374, pg. 229b
8. Primo lato della rilegatura d'avorio,
6˚ sec., “Vangelo di Echmiazin”
anno 989


Il testo e le immagini sono forniti dall'Istituto Mesrop Mashtoz di antichi manoscritti.
 

Share |