Momik: Noravank

Tornare alla Pagina Principale


Noravank 2: La caverna di Magheli. La caverna di T'rchunneri. I pipistrelli d'Armenia

La caverna di Magheli

La caverna di Magheli e' una delle piu' grandi caverne dell'Armenia; la sua profondita' segnata sulla mappa e' di 1.7 km, pero' ci sono molte ramificazioni piu' piccole, che non sono state interamente esplorate. La caverna fu abitata nel Neolitico; nella caverna sono state trovate ossa di orsi, strumenti di pietra e altri attrezzi appartenenti all'eta' della pietra insieme con i piu' “recenti” ritrovamenti risalenti al IX secolo. La posizione lontana del cavo e la sua inaccessibilità ne fecero un posto idoneo per nascondersi durante le invasioni.

A causa della sua profondita', la caverna mantiene una temperatura costante di 14 gradi centigradi. Il passaggio principale varia da uno abbastanza grande da far passare un uomo a una spaziosa camera di 10-15 metri di larghezza. Ci sono alcunе stalattiti e stalagmiti, pero' la maggior parte fu distrutta dai vandali e dai bambini del luogo che giocavano nella caverna. Da allora la caverna e' chiusa e si puo entrare solo accompagnati da una guida professionale.

La caverna di Magheli presenta anche un ecosistema sotteraneo unico per la presenza di migliaia di pipistrelli. Unico mammifero capace di volare, il pipistrello ha un ruolo importante nell'ecologia armena, una specie di vitale importanza per la stabilita dell'ecosistema e per la coltivazione delle piante nel paese. Uno degli spettacoli naturali dell'Armenia si vede ogni sera d'estate quando i pipistrelli che fanno il nido nelle cavita’ escono fuori in una nuvola fluttuante girandosi e voltandosi nell'aria.

NOTA: La caverna non e' interamente mappata ed e' abbastanza pericolosa a volte con dirupi e buche imprevisti. Per l'esplorazione della caverna si deve consultare una guida esperta. Per una guida locale si puo' contattare la sicurezza all'entrata del canyon o telefonare ad Arthur al numero 093661583 (cellulare). A Yerevan si puo' contattare il Centro Speleologico (tel. 010-550986, URL: www.armenius.com/speleo/).

La caverna di T'rchunneri

Questa caverna rappresenta un complesso di piccole caverne piu' accessibili all'esplorazione della caverna di Magheli. La caverna e' situata sull'autostrada (M2), all'entrata del canyon di Noravank. Si trova in una roccia dietro il ristorante situato sulla riva del fiume (a destra quando girate per entrare nella gola). Si puo' raggiungerla a piedi seguendo il sentiero verso l'alto della collina ripida fino ai punti triangolari d'entrata nelle caverne.

La collezione di piccole caverne della caverna principale collegate fra loro da stretti tunnel include alcuni cavi piu' piccoli situati nei muri della roccia superiore.

Gli scavi piu' recenti hanno rivelato testimonianze di produzione del vino risalenti al Neolitico. In caso questo fatto sia provato, il cavo sara’ uno dei più vecchi siti noto per la fermentazione del vino nel mondo (4200-3800 a.C.).

Le altre caverne di questa area includono quelle di Archeri e Mozrov che si raggiungono attraverso il villaggio di Arpi.

I pipistrelli d'Armenia

La piu' grande popolazione di pipistrelli si trova nel sud d'Armenia, anche se molti nidificano nelle innumerevoli cavita’ e fessure di tutto il paese. Piu' di 800 cavita’ e grotte popolate da pipistrelli sono state scoperte e mappate in Armenia, compresa una ricerca piu' profonda sui pipistrelli cavernicoli.

Nessun'altra popolazione di pipistrelli sembra essere cosi' prolifica e diversificata come quella della caverna di Magheli, dove rappresenta piu' del 65 percento della fauna di pipistrelli d'Europa. Le colonie raggiungono il numero di molte migliaia, pero' a causa dell'aumentata presenza degli uomini i pipistrelli cominciano a migrare nei villaggi trovando posatoi nelle soffitte. I pipistrelli sono maggiormente presenti nelle zone acquee con le rive coperte di piantagione moderatamente alta.

Testo originale a cura di Boris Gasparyan, Ricercatore dell’Istituto di Archeologia e Etnografia dell’Accademia delle Scienze d’Armenia.