Caverna degli Uccelli di Noravank

Tornare alla Pagina Principale


Noravank 11: Areni 1 Karayr (Caverna degli uccelli)

Areni 1 Karayr (Caverna degli uccelli)

Il monumento si trova sulla sinistra del fiume Arpa, tra le rocce. E' una caverna che prende origine da rocce di pietra calcarea. La caverna e' formata di 3 saloni, 2 dei quali sono collegati con passaggi. Ci sono anche nicchie che si trovano piu' in alto e piu' in basso dal livello del primo salone. La superficie totale della caverna e' quasi di 500 metri quadrati.

Durante gli anni 2007-2008, nel primo salone della caverna, grazie agli scavi archeologici cominciati sulle pendici di fronte, furono scoperti strati che contengono reperti appartenenti a diversi periodi dell'eta' della pietra e del rame. I confini cronologici di quest'ultimi cadono tra l'ultimo quarto del 5˚ e la prima meta' del 4˚ millennio a. C., partendo dai reperti (resti di ossa, carbone, tessuti, sementi e diversi resti organici) presi dagli strati e dai risultati del carbonio radioattivo.

Vicino all'entrata del primo salone si trovava l'area abitativa del complesso testimoniata dai resti rinvenuti, dal pavimento e dai pozzi, nella parte finale del salone furono scoperte recipienti d'argilla di diverse grandezza e forma. Considerando l'esistenza del torchio che serviva per produrre vino, i diversi tipi di giare e recipienti che erano destinati alla conservazione dei cibi, il complesso serviva anche per la produzione. Cio' viene testimoniato dal rinvenimento di semi d'uva, di prugna, di albicocca, di grano, d'orzo e di diverse piante selvatiche e domestiche, preservati grazie alla temperatura particolare di questo luogo.

La caverna, grazie al suo microclima stabile era un luogo perfetto per la produzione e la conservazione dei cibi.La caverna veniva usata anche per riti funerari. Accanto alle strutture d'argilla furono scoperti infatti dei crani di [due] giovani donne dentro a recipienti. Questi riti, probabilmente, rispecchiano credenze antiche collegate con il rito della fertilita'.

Grazie ai lavori compiuti durante gli scavi fatti sulle pendici vicino la caverna, furono scoperti anche resti di mura difensive che impedivano l'accesso, la cui data di costruzione e' incerta. Non si esclude che siano state erette durante il medioevo perche' gli strati dell'eta' di rame e di pietra presenti nella caverna in alcuni pezzi mostrano tracce del 13˚-14˚ secolo.

Areni-1 e' uno dei monumenti ben conservati del sud Caucaso, il cui studio ci da' la possibilita' di capire non solo la particolarita' della vita domestica del 5˚-4˚ millennio a. C. ma anche per dimostrare che la produzione del vino in Armenia ha una storia di ben 6000 anni.