Tatev

Tornare alla Pagina Principale


Tatev 2: La Storia. Legenda

La Storia

Secondo la tradizione il nome del monastero deriva da S. Eustazio, uno dei discepoli dell'apostolo Taddeo (Yevstateos), che lo seguirono in Armenia nel 1˚ secolo. Nel 4˚ secolo, sulle reliquie di S. Eustazio, fu costruita una piccola chiesa (la prima del monastero di Tatev) che nel 5˚ secolo divenne ben presto un luogo di pellegrinaggio. In seguito il nome del monastero di Tatev non venne più menzionato nella storia fino all' 8˚ secolo, alla fine del quale il vescovo del Siunik
si trasferì a Tatev.

Nell' 839 il vescovo Davit di Syunik aveva acquistato la chiesa con i villaggi adiacenti dal principe Filippo di Syunik. Nell' 844 il principe Filippo consegnò il villaggio di Tatev con i suoi terreni e fabbricati al monastero e commissionò la costruzione della chiesa di S. Gregorio. Seguendo il suo esempio altri principi fecero donazioni e commissionarono la costruzione delle chiese, due in quel periodo e altre nei secoli successivi – rendendo assai fiorente il monastero. Tatev ha custodito la croce di Babken, una croce d'argento grande quanto un uomo, che conteneva un frammento della croce di Cristo, le reliquie di S. Giovanni Battista, di S.Stefano, degli 11 apostoli, di S. Gregorio l'Illuminatore,di Santa Hripsime e i capelli della S.S. Vergine e altre reliquie.

La cattedrale dei S.S. Pietro e Paolo fu costruita dall'895 al 906, durante gli anni della guida del vescovo Hovhannes, la cui origine non-nobile (non è certo l'unico esempio nella Chiesa armena) non gli fu di ostacolo per diventare in seguito vescovo del Syunik e ampliare il monastero, che alla fine del 10˚ secolo arrivò ad avere quasi 1000 persone residenti tra monaci e studenti.

Nel 1087, anno di fondazione della chiesa della Santa Madre di Dio (Surp Astvazazin), il monastero entrò in una nuova epoca d'oro con il suo seminario e la sua grande biblioteca dove erano custoditi circa 10.000 manoscritti. Il monastero possedeva 264 villaggi in 10 province. Ogni villaggio versava i tributi al monastero.

Nel 1170 le invasioni dei selgiuchidi misero fine al periodo di prosperità. Un anno prima, nel 1169, per timore della minaccia selgiuchide, il monastero aveva trasferito l'intera biblioteca a Baghaberd che in quel tempo era la fortezza più difesa e inespugnabile dell'Armenia. Ma il piano fallì. L'intera biblioteca fu distrutta quando i selgiuchidi rasero al suolo la fortezza bruciandola. Essi saccheggiarono anche il monastero di Tatev e razziarono tutti i suoi tesori.

Tatev si riprese fra la fine del 12˚ e gli inizi del 13˚ secolo, con la protezione degli Zakarian e degli Orbelian che restituirono al monastero una nuova prosperità, sostenuta anche dalla guida religiosa del metropolita arcivescovo Stepanos Orbelian. Orbelian ristabilì la supremazia del monastero di Tatev su tutte le diocesi del Syunik. Nel 1295 fu interamente ricostruita la chiesa di S. Gregorio l'Illuminatore e furono fuse 2 grandi campane di bronzo che si trovano ancora sul luogo. Nel 13˚-14˚ secolo Hovhan Vorotnetsi ha aggiunto una torre campanaria al gavit della cattedrale. Il monastero di Tatev possedeva allora 678 villaggi e diversi monasteri ed era diventato il centro religioso, di formazione e di cultura di tutta l'armenità.
Alla fine del 14˚ secolo, durante le invasioni di Tamerlano, il monastero fu saccheggiato e bruciato e solo nel 1787 fu costruito il mausoleo di Grigor di Tatev e l'edificio della scuola con 16 aule lungo il perimetro del muro orientale.
Nel 1830 il monastero di Tatev aveva 2 vescovi, 10 vardapet (insegnanti), 62 preti e 2 diaconi che guidavano i 70 villaggi della diocesi. Alla fine del secolo il numero dei villaggi tributari fu dimezzato.

Nel 1920-21 nel monastero alloggiò la brigata del generale armeno Gareghin Njdeh per pianificare la strategia difensiva del Syunik contro i soldati turchi e bolscevichi. Nel 1922 il monastero riprese la funzione di vescovado, subito chiuso dal regime sovietico. Dal disastroso terremoto del 1931 furono distrutti il campanile e la cupola della cattedrale dei Santissimi Pietro e Paolo. Fu riaperta al culto negli anni novanta e oggi continua l'opera di restauro .

Testo curato e approvato dalla Sede Madre della Santa Echmiazin.

Legenda

1. Le rovine della chiesa di S. Yevstateos
2. L'oleificio
3. Mura difensive
4. L'antica entrata/la sorgente
5. L'entrata orientale
6. La chiesa di S. Astvazazin
7. Le rovine
8. La stalla/le stanze dei seminaristi
9. La foresteria dei pellegrini
10. La biblioteca di Tatev, Il museo
11. Costruzioni pubbliche e residenziali
12. Il campanile
13. La chiesa dei S.S. Pietro e Paolo
14. L’ arcata, le Croci di Pietra
15. La cappella-Sepolcro di Grigor di Tatev
16. La chiesa di S. Grigor Illuminatore
17. La Colonna commemorativa (gavasan)
18. Il refettorio
19. La cucina
20. Forno di coccio sotterraneo
21. La sede del vescovo
22. I bagni termali
23. La scuola del 18˚ secolo