Yerevan: Via Zarski Arami

Tornare alla Pagina Principale


Via Zarski (ora Arami):

Passeggiata a Yerevan: via Tsarskaya (ora Arami)

Questo incrocio fu nominato per lo zar Nicolai I, che visito' Yerevan nel 1837. Fu chiamato Arami dopo Aram Manukian, il "Dittatore Popolare" e Ministro degli Affari Interni per la Prima Repubblica (1919-1921). In epoca sovietica divenne noto come Spandarian, poi di nuovo deno­minata Arami nel 1990.

Come Behbutovskaya (Busand) anche questa era una strada laterale alla moda per Astafian, impreziosita dalle residenze nobiliari della "Belle Epoque Armena" del 19° secolo, quelle poche сhe sono in procinto di essere demolite per far posto alle nuove costruzioni. Per ora ci sono poche case appese, ed è valsa la pena di una passeggiata per i due gioielli dell'antica Yerevan: la Casa di "Profitto" di Afrikian dell'Art Nouveau e un atelier di pietra per un intagliatore di khachkar.

La Casa di "Profitto" (27) si trova a un isolato a ovest di Arami, passata l'Ambasciata georgiana poi dritto all'angolo dove è arroccata con una torre rotonda sporgente al secondo piano la Casa di Fadeh Tadevosian (28) con lo stile bello di Mehrabian. Continuate fino alla meta' dell'isolato, fino al grande edificio con intagli di animali, ninfe e leggende classiche, tra cui Lea e il Cigno.

Tornate indietro per Arami e girate a destra (Ovest) e passate alla fine del blocco, sulla sinistra sarete ricompensati con una piccola porta del atelier di pietra (29) per un intagliatore di khachkar: nel suo laboratorio nel cuore di Yerevan, il maestro continua la lavorazione delle antiche tradizioni utilizzando i segreti della scultura di khachkar, tendendo alla perfezione. Tornate indietro per Abovian.
 

Testo originale a cura del Comitato Nazionale d'Armenia del Consiglio Interna­zionale dei Monumenti e Siti (ICOMOS).