Yegheghis

Tornare alla Pagina Principale


Yegheghis 1: Yegheghis (Alayaz). Luoghi spettacolari. Legenda

Yegheghis (Alayaz)

La Yegheghis medievale fu una delle citta' piu' ricche in Armenia e nei secoli 13˚-14˚ fu la sede della dinastia principale degli Orbelian (Proshian). La gran parte della regione di Zangesur (attuale Vayoz Zor, Syunik, Ghegharkuniq, Ararat e Kotayk) era sotto il dominio degli Orbelian e dei Proshian che tra di loro erano in rapporto di parentela, ma queste regioni nel 15˚ secolo erano ormai indeboliti e avevano perso le battaglie contro Tamerlano, turchi e persiani.

In conseguenza del terremoto la citta' fu abbandonata dagli abitanti armeni che ripararono in Persia e rinominata Alayaz dagli abitanti successivi. I profughi da Sumgait nel 1988 ripopolarono il villaggio ridandogli il nome iniziale.

Luoghi spettacolari
Appena entrati nel villaggio vedrete due monumenti (1). Il monumento che sta sulla destra tiene su di se' una splendida croce di pietra del 12˚-13˚ secolo che e' coperta da un tetto a punta. La superficie della croce di pietra e' consumata, nonostante cio' sulla parte superiore si vede Cristo seduto sul trono e ai lati due santi. L'altra croce di pietra si trova sulla sinistra, di fronte al mulino.

Subito dopo vedrete il cortile delimitato da mura, con croci di pietra (2) e con pietre tombali dei membri della famiglia Orbelian. Le croci di pietra, collocate una accanto all'altra, hanno su di loro il timpano ornato, probabilmente sopravvissuto dal tempo in cui qui c'era la cappella. Le iscrizioni risalgono ai 12˚-14˚ secole.

La cappella di S. Astvazazin (3) di tre navate fu costruita nel 1703 sulle rovine della chiesa piu' antica. Sotto l'arco dell'architrave della finestra del muro orientale e' scolpita un'antica croce di pietra. Ai due lati dell'arco dell'architrave della porta sono raffigurate nereidi con corone. Questa raffigurazione era molto diffusa nel medioevo, probabilmente simboleggiava il potere regale. Dietro ogni immagine sono scolpite foglie dell'Albero della Vita.

La chiesa di S. Karapet (4) del 13˚ secolo e' ben conservata ed e' una costruzione piccola con la cupola a forma di croce. Qui si possono vedere tante croci di pietra e pietre tombali (alcune delle quali sono molto antiche). Sulla croce di pietra che guarda l'entrata del cortile sono incise lettere armene “Â ì â Ì” (750) per cui risale al 1301. Una delle croci di pietra e' caratteristica per il fatto che contiene la data di creazione. Agli angoli dei bracci della croce, e' inciso in maiuscolo “Â ì Ô À” (98), cio' significa che la croce di pietra fu scolpita nel 699. Le altre risalgono al 1301, 1381, 1325, 1342, 1345 e 1349. Secondo le iscrizioni la chiesa fu costruita da Nerses Nahatak.

Nel centro del villaggio sono conservate le rovine della piccola chiesa medievale Katokhike' col tetto di tegola che risale al 10˚ secolo, anche se porta dei segni che fanno supporre che sia stata costruita su un'altra costruzione piu' antica.

La chiesa Zoraz (5) si trova all'estremita' orientale del villaggio is. Sull'altra sponda del fiume, che si puo' raggiungere atraverso un sentiero che passa sotto il ponte, si trova il cimitero della comunita' ebrea (6). I sepolcri del 13˚ secolo sono la testimonianza di una comunita' attiva a Yegheghis durante il periodo del ritorno al potere delle famiglie degli Orbelian-Proshian.

 

 


Legenda

1. La Croce di Pietra
2. I Sepolcri Orbelian
3. La Chiesa di S. Astvazazin
4. La Chiesa di S. Karapet
5. La Chiesa Zoraz
6. Il Cimitero Giudaico