Yegheghis

Tornare alla Pagina Principale


Yegheghis 4: Le iscrizioni

Le iscrizioni

Le iscrizioni cuneiformi in ebraico, e, a volte, in aramaico, incise sulle pietre tombali di basalto ci permettono di avere un'idea approssimativa della comunita' ebraica che abitava nella periferia di Yegheghis (dalla meta' del 13˚ secolo fino al 1337) che a quei tempi era considerata una citta' fiorente.

Le iscrizioni ci danno qualche notizia sulla vita delle persone sepolte e della loro speranza dell'esistenza nella vita celeste. Nelle iscrizioni ci sono spesso citazioni dalla Bibbia come anche nomi ebraici.

Una delle iscrizioni ha la forma seguente: “Niftar Baba dar David behodesh Tamuz shnat aleph-taf-resh - dokhran tav lenichot nafshata” “Baba figlio di David mori' nel mes di Tammuz, nel anno 1600” ed e' dedicata alla memoria di uno dei membri della comunita'. La datazione della pietra tombale viene riportata secondo la cronologia della quale si servivano gli ebrei orientali (gli ebrei dello Yemen ancora adesso se ne servono) ed e' equivalente al 1289 del nostro calendario. L'iscrizione aramaica augura al defunto “bei ricordi e pace dell'anima”.

In un'altra iscrizione il padre piange la morte del giovane figlio ed esprime la propria fede nell'immortalita' riportando frasi dalla profezia di Isaia.

Sulla terza pietra tombale, in bell'ebraico, e' citato Aharon il sacerdote del Tempio.

Una delle iscrizioni piu' belle risale al 18˚ giorno del mese “tishre” del 1266 ed e' dedicata alla memoria della “vergine, promessa Ester, figlia di Mikael. Possa avere la fortuna di essere con la nostra matriarca Sar[a]”.

Sull'altra parte e' scritto: “la grazia che appare e' menzognera, e la bellezza e' vanita'” dai Proverbi (31:30) del Sacro Libro in ebraico e continua dicendo che Ester era “Timorata di Dio”.

Alcune delle pietre tombali del cimitero, con le croci di pietra armene, furono utilizzate come materiale da costruzione per il ponte vicino e per il pavimento del mulino. Tutto il resto e' ben conservato sul territorio all'aperto delimitato da mura, vicino a un boschetto.