Zvartnoz

Tornare alla Pagina Principale


Zvartnoz 5: La cattedrale: La decorazione. I maestri

La cattedrale: La decorazione

Uno dei piu' importanti tratti della cattedrale di Zvartnots e' la sua decorazione; gli affreschi coprivano le pareti (soprattutto sopra l'altare) e gli intagli in pietra riccamente decorativi erano presenti in tutto l'edificio, con motivi vegetali e floreali sui portali, sulle arcate, sui capitelli, e sui timpani della volta (con le immagini dei costruttori in alto-relievo).
I mosaici coprivano i pavimenti, pero' ne sono conservati solo alcuni frammenti.

La superficie delle facciate, dei bordi, dei telai e delle cornici delle finestre raffiguravano alberi di melograno, pergole e viti con la frutta matura. L'uva simboleggiava il sangue di Cristo e la Sua resurrezione, mentre il melograno era il simbolo antico della fertilita' in Armenia.

Sulle colonne restaurate si possono vedere i capitelli originali che uniscono le forme geometriche corinzie e quelli del Khachkar ( croci in pietra) armeno. Tra loro ci sono dei capitelli interni che combinano il tratteggio traversale con la voluta o lа croce, ciascunо ornatо da una lettera che sta per "Nerses" o "Katholikos".

Gli altri capitelli rappresentano l'aquila, il simbolo del trionfo, della forza e della resurrezione nei tempi antici e medievali. Secondo la leggenda precristiana, l'aquila era capace di riportare in vita i morti. Simili intagli si possono trovare in una basilica di V secolo a Yereruik, nella regione di Shirak.

I maestri
Le immagini dei costruttori sono particolarmente interessanti essendo rari esempi di fede nei costruttori non solo tramite le iniziali o i marchi. Le figure a mezzobusto rappresentano i costruttori che tengono in mano gli strumenti, con le iniziali o i nomi accanto (uno di essi significando "Ionn" o "John"). Alcuni dicono che esse, invece, raffigurano i fondatori, pero’ la combinazione con i marchi usati da ogni maestro che definisce il suo operato dell'intero complesso, fa propendere verso l’interpretazione che le figure sulle 32 facciate (conservate 12) siano dei costruttori.

Le figure dei bassorilievi sono straordinariamente realistiche per il VII secolo mostrando le facce, i vestiti e le pose. Seguendo la tradizione dell'intaglio di Khachkars in tal modo che non esiste nessuna uguaglianza, i disegni sono ciascuna una creazione unica del maestro, combinando le pose caratteristiche, gli strumenti ed i dettagli idiosincratici.
 

Share |